Il Sito di Daniele Dattola

UN CUTTER FATTO IN CASA – L’ALBATROS –

 

dedicato a Ciccio Gurnari…

 

A gentile richiesta di Ciccio Gurnari e di tanti altri amici che si ricordano di questo episodio della nostra vita, inserisco questo lavoro, le cui fotografie non sono splendide in quanto tratte da un filmino ma servono a dare l’idea, diciamo che è  una parentesi  che serve a dimostrare il nostro amore verso il mare.

Eravamo giovani, era il tempo in cui non c’era tutto, come oggi, ma ci accontentavamo, mio fratello Giuseppe era studente universitario in Medicina, gli venne l’idea di costruire un cabinato a vela, iniziò la costruzione dell’ossatura dell’imbarcazione sul nostro tetto di casa,

 

1 COSTRUZIONE SCHELETRO SUL TERRAZZO DI CASA 2 SI SCENDE LO SCAFO DAL TERRAZZO DI CASA

 

 

cosa che avvenne regolarmente, naturalmente io lo seguivo in tutte le sue idee…e progetti…costruimmo l’ossatura in legno e dopo per evitare pesi eccesivi scendemmo, lo scheletro della barca al piano terra…

in uno spazio posto accanto casa, ecco le foto

 

3 si scende lo scafo dalla terrazzo di casa 6 varie scene discesa dello scheletro dal terrazzo8

 

 

7 varie scene discesa dello scheletro dal terrazzo11 8 varie scene discesa dello scheletro dal terrazzo9

 

 

Il lavoro lo continuammo li, curvatura delle tavole con il fuoco, copertura dell’ossatura di legno, con un compensato marino, uso di una colla particolare adatta al mare “CIBA” etc. e tanta tanta passione ecco altre foto.

 

 

9 si scende lo scafo dalla ter 7 10 SCAFO SISTEMATO A TERRA ORA INIZIANO GLI ALTRI LAVORI

 

 

 

 

11 AL LAVORO PREPARAZIONE COLLA CIBA 15 miscelazione dei componenti

 

 

16 si fissano i fogli di compensato marino 18 durante la costruzione della barca 17

 

 

 

17 durante la costruzione della barca 28 19 durante la costruzione della barca 10

 

 

20 fissaggio delle pareti 17 pino e daniele durante una pausa

 

 

 

alla fine concludemmo il lavoro che fu abbastanza celere, in un paio di mesi…

 

 

 

 

21 il cantiere con la barca pronta per il varo

 

ultimato lo scafo il problema fu di trasportare questa imbarcazione a mare, Vi posso assicurare che non fu un giochetto da niente,

 

 

 

22 si parte per il mare 23 si prepara il terreno per la partenza verso il mare

(livellamento terreno prima della partenza)

 

 

 

24 festeggiamento prima della partenza                                                                      (Brindisi prima della partenza, casa Mafrici)

 

 

 

 

aiutati da tanti amici lo potete vedere nelle foto infine ci riuscimmo di portarlo a mare,

 

25  si parte verso il mare 25 dopo porto salvo verso il mare

(verso il mare)                                                                             (nelle vicinanze di Porto Salvo)

 

26 al passaggio al livello 27 durante l'arrivo tutti spingono daniele si riposa

(nel passaggio a livello)                                           (P.zza Porto Salvo, qualcuno invece di spingere si fa trainare)

 

 

 

si fecero ulteriori  preparativi prima del varo, tante prove vele etc. e poi alla fine ci fu l’inaugurazione.

 

26 LO SCAFO SULLA SPIAGGIA 27 si tira lo scafo verso la battigia per la festa del primo varo

 

 

 

Madrina dell’evento fu la Sig.ra Bice Alati moglie del Generale Alati, una donna dolcissima, l’intervento del parroco Don Calarco

 

28 la madrina in verde (moglie del generale Alati attende la cerimonia 30 il generale Alati in verde e il parroco prima della cerimonia

(la madrina in verde)                                                        (Don Calarco, il Generale Alati, Geom Namia)

 

 

il socio di mio fratello nonché collega di università Dr. Marino di Motticella di Bruzzano e tanti tanti amici,

cerimonia,

 

29 la barca pronta prima del varo 31 durante la cerimonia

(prima del varo)                                                                                 (rito religioso)

 

 

benedizione della barca, rottura della bottiglia contro la fiancata ed infine varo.

 

 

32 A rottura della bottiglia 32 benedizione dello scafo

(Benedizione dell’imbarcazione)

 

33 rottura dell champagne 34 pronti per il varo

(rottura della bottiglia sulla fiancata)                                                                   (varo)

 

35 la madrina e il padrino e gli amici guardano la braca andare a mare 36 gli amici e i curiosi durante il varo

 

 

 

 

Era una bellissima barca, ma il non esserci il porto ci comportava enormi sacrifici quando si doveva varare e dopo tirare ma la soddisfazione fu grande.

 

 

36 primo varo 37 in acqua

 

 

 

 

38 durante la navigazione 39 si ritorna a casa

 

 

 

40 si naviga 41 si naviga

 

 

 

Insomma un episodio che si ricorda con piacere, non l’avrei inserito ma me lo hanno richiesto in molti e lo dedico a loro.

 

ALBATROS 4 si provano le vele

 

 

L’ALBATROS.

 

E DOPO NE COSTRUIMMO UN’ALTRA!!! un bel gozzo in vetroresina!!!

 

COSTRUZIONE BARCA gozzo in vetroresina BARCA  IN PLASTICA 83 gozzo

 

 

Melito di Porto Salvo, li 14.2.2012

 

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *