Il Sito di Daniele Dattola

Roghudi Rocco Artuso in: ” Rogudi e Ghorio una fetta di mondo grecanico”

 

Ho sempre scritto su questo sito, cercando di mettere in evidenza la storia della nostra terra, tra gli argomenti La vallata dell’Amendolea,  Roghudi, Condofuri, Gallicianò etc. oggi invece voglio descrivervi il contenuto di un libro veramente interessante scritto da mio consuocero il Dr. Rocco Artuso il titolo è:” Rogudi e Ghorio una fetta di mondo grecanico”

.

copertina libro

Un libro come dicevo veramente interessante, edito dal Comune di Roghudi nel 1999, a cui presto si aggiungerà una nuova edizione,   l’Autore ha sottolineato che il libro non è un’opera specialistica, ma una semplice testimonianza di gratitudine verso una comunità portatrice di valori che rivivono sempre, nonostante assopiti. Io che di queste cose ho scritto più volte, leggendola ritengo sia un’opera importantissima, con un bagaglio di informazioni utili a chi ne vuole venire a conoscenza che hanno lo scopo di tenere viva “La Memoria” di un popolo.

retro copertina libro

Chissà se le Autorità politiche, riusciranno, cosi come sempre più spesso promesso, a creare quei collegamenti veloci, che permetterebbero di fare rivivere questi luoghi.

DSC06481ROGHUDIDALLALTOBELLAINMMAGINE1

L’Autore fa presente che molte notizie storiche le ha attinte nell’ archivio comunale. Le parti relative alle tradizioni le ha messe per iscritto ascoltando la gente. Le fotografie Le ha fatte lui visitando i luoghi, mentre altre le ha ricevute da amici fotografi appassionati amatoriali  o da cittadini e dipendenti.

Immagine042LAROCCADELDRAGO5_thumb                                                                                        (La Rocca del Drago)

Dice: “ scopo di questo lavoro è soprattutto volto a dimostrare che la sua storia è una realtà che vivrà fin quando ci sarà un cuore che la pensa e la ama. Sogno d’un sogno che più sogno non sia… far rivivere l’antico centro storico della montagna, consolidando le case che possono essere consolidate, abbattere quelle pericolanti, creare aree di sosta con servizi turistici, un piccolo museo di cose antiche, fornirsi con metodi moderni di energia elettrica, sembra un sogno di difficile realizzazione….ma chissà forse un giorno potrà essere realizzato.

caddareddi

Il libro inizia con la Storia; Le origini delle Comunità Grecaniche; Origine delle popolazioni Greche; La questione del rito Greco; Le Casate; La questione linguistica; I Terremoti; i documenti tratti dall’Archivio Storico del Comune; Analisi socio-economica dell’abitato; Gli antichi abitati di Roghudi e Ghorio; Un occhio sul futuro: -considerazioni e proposte; Il trasferimento degli abitati; Antichi sapori: Gli Affetti; Le Feste; I Cibi;  Lenzuola, coperte e vestiario, La lavorazione della Ginestra, La Canapa, la lana, la seta; la lavorazione del legno; Memorie e ricordi i segretari comunali; e tanto tanto altro ancora, è interessante far notare che durante la lettura, in genere all’inizio dei capitoli sono citati dei detti in lingua grecanica e alcune poesie in lingua madre tra queste quella di Salvatore Siviglia che cosi recita:

“ Efiga ando Ghorio ce clonda pao                         Sono scappato dal paese e piangendo vado

   Ghiatì den egho ple pu na zio                              perché non ho più dove vivere

   Ghorio dicommo egò se gherotao                       Paese mio ti saluto

   Messena afinno ciola tin cardia                          con te lascio anche il mio cuore

   Olo to cosmo egò paracalao                               tutto il mondo io prego

   Na mi ghadì i glossa ti ene martia                      che non si perda la lingua che testimonia

   Ene mia glossa polli palèa                                  E’ una lingua molto antica

   Ce ito i glossa tin ghinìa.                                     Ed era la lingua dei miei antenati.

Un libro ricco, e chi è amante di queste cose, non può fare a meno di avere una copia nella biblioteca per attingere notizie preziose e utili alla nostra “Memoria”.

Quindi non fatevi mancare una copia…buona lettura.

Melito di Porto Salvo, li 23.8.2016

Daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi