Il Sito di Daniele Dattola

RC TITO ROSATO PRESENTAZIONE DEL LIBRO:”LAGER 22 BARACCA 12” CITTA’ DEL SOLE EDIZIONI

 

In data 29.4.2014, alle ore 17.30, presso il Palazzo della Provincia di RC ha avuto luogo la presentazione del libro di Tito Rosato:”LAGER 22 BARACCA 12”.

 

 

PAGINA LIBRO LAGER_442x600

 

 

 

 

 

P1010003_800x600

 

 

 

Il libro edito da chi si occupa ormai da anni della storia del nostro territorio Franco Arcidiaco di Città del sole Edizioni è un libro da leggere d’un fiato, avvincente, forte, non mi soffermerò sul suo contenuto, non è giusto svelarlo, farei un cattivo lavoro all’Editore…

 

P1010009_800x600

 

 

La Sala della Provincia era gremita,

 

P1010006_800x600

 

 

ha introdotto i lavori il giornalista Tonio Licordari, è intervenuto a portare i saluti il Presidente della provincia Raffa

 

P1010004_800x600

 

 

 

e dopo ci sono stati gli interventi del prof. Domenico Minuto che ha proposto per questi personaggi in Calabria, “LA GIORNATA DEL RICORDO” ,

 

P1010007_800x600

 

 

 

gli interventi del Preside Angelo Vecchio Ruggeri e della moglie Rosalba Pristeri e alla fine del figlio di Tito.

 

P1010011_800x600

 

 

Questa è la storia, il diario che inizia l’8 settembre del 43 quando l’Italia si è arresa, e Tito, di stanza nella Regia Aereonautica militare a Roverè presso Trento,

 

 

Tito Rosato giovane militare_439x600

 

dopo una gita in montagna  insieme all’amico Pippo Micale durante il rientro in caserma, viene fermato da una pattuglia di soldati tedeschi, incarcerato  dai loro ex alleati. Di qui l’odissea del giovane aviere che da uomo libero viene imprigionato e condotto su un carro bestiame nel campo di concentramento austriaco di Linz…un calvario, due anni di sofferenze e dolore. E’ la storia di tanti soldati italiani che subiscono questo trattamento da parte dei tedeschi, tra questi il nostro umile eroe.  Tito è chiamato a scegliere tra la prigionia e l’arruolamento volontario nelle file della neonata Repubblica di Salò. Rifiuta l’arruolamento, rischiando molto, inizia così la terribile esperienza del campo di concentramento, il faticoso lavoro, le dure condizioni di vita, il freddo , la fame, tutto questo i soldati lo sopportano per un durevole senso dell’onore e della fedeltà al giuramento di servire la Patria. Il 27 gennaio 2012 nel corso della “Giornata della Memoria”, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha conferito a Tito Rosato al Quirinale la Medaglia Commemorativa di Internato, per avere subito le nefandezze naziste nel campo di concentramento di Linz in Austria.

 

 

PREMIAZIONE CON NAPOLITANO_571x600

 

 

 

Questo libro scritto da Tito, ripeto allo stesso tempo eroe forte e umile, lo ha dedicato ai nipoti Lianì, Gaetano, Martina, Federica e Antonio e alle pronipoti Marcella e Arianna, perché ne traggano insegnamento, adeguandosi alla vita degli umili.

Alla lettura di una poesia dedicata a Matilde, suo amore, Tito è scoppiato in lacrime. Il libro si chiude con queste sue conclusioni:”La felicità, il benessere, le gioie non insegnano niente di buono all’uomo, anzi lo rendono egoista, possessivo, arrogante, insensibile alle altrui sofferenze, chi ha sofferto prima, impara poi a dare il giusto valore alle cose e diventa un po’ altruista.

Questo il motivo principale per cui ho scritto queste pagine, perché i miei figli, i miei nipoti, imparino che dopo le sofferenze, possono venire anche le gioie e che, solo chi ha subito la prigionia, sa vivere con molto entusiasmo le cose belle della vita; sa comportarsi con decoro e umiltà. Ecco cosa mi ha insegnato e a cosa mi è servito l’internamento: a farmi vivere bene…dopo.

 

P1010005_800x600

                                                       (Nella foto durante il Convegno Tito Rosato, la moglie e la figlia)

 

 

 

 

L’”Archivio della Memoria” è una cosa importante…Per avere un Futuro occorre guardare bene nel Passato. Grazie Tito per la testimonianza che hai lasciato per sempre con questo libro.

 

 

Reggio Calabria, li 29.4.2014

 

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *