Il Sito di Daniele Dattola

RC I° ASSEMBLEA PRESINODALE DEI GIOVANI DELLA ARCIDIOCESI REGGIO C.-BOVA DAL TEMA:”FAMIGLIA E AFFETTIVITA”

 

 

Domenica 23 marzo 2014, si è svolta a R.C. presso il Cineteatro Odeon la prima Assemblea Presinodale del Sinodo dei giovani dal Tema:”FEDE E SPERANZA, IL FUTURO CHE NOI VOGLIAMO”.

021

 

 

 

 

 

L’Assemblea Presinodale è stata presieduta da Mons. Giuseppe Morosini, e vi hanno partecipato tutti i giovani  appartenenti alle circa 120 parrocchie.  I giovani diventano i protagonisti di questo Sinodo dice Mons. Morosini, a loro è affidato tutto il lavoro del Sinodo…e a loro è affidato il futuro della Città. Bisogna prendere atto di questo Pastore che investe sui giovani coinvolgendoli.

 

022

 

 

 

Mons. Morosini ha affidato la Direzione a una Presidenza e a una Segreteria costituita da giovani. Le conclusioni del Sinodo saranno condotte da: “Un Gruppo di Animazione del Sinodo” costituito da circa  50 giovani e sacerdoti che avranno il compito di sintetizzare e concludere.

 

019

 

 

Il Sinodo verterà su tre tematiche:

FAMIGLIA E AFFETTIVITA’;

PARTECIPAZIONE E CITTADINANZA;

VALORI E FEDE.

Ecco come si è arrivati a questa prima fase Presinodale dove si è discusso della Tematica Famiglia e Affettività.

L’Ufficio di Presidenza, la Segreteria, e il gruppo di Animazione del Sinodo hanno predisposto un questionario che è stato distribuito in tutte le parrocchie della diocesi. I giovani facenti parte della Diocesi si sono confrontati, incontrati, utilizzando  documenti e video per aiutarsi nel dibattito, non è stato semplice coinvolgerli tutti, ma alla fine la partecipazione è stata corale. I gruppi parrocchiali  hanno interagito fra di loro, collaborando insieme e rapportandosi con i sacerdoti.

 

030

 

 

 

 

032

 

 

 

Da questi pre-incontri dei gruppi è emerso, relativamente all’argomento AFFETTIVITA’ E AMORE, che i giovani ritengono che affettività e amore siano concetti diversi dalla sessualità e che i primi sono l’anticamera della sessualità. Amore, Affettività e Sessualità possono coesistere e danno felicità. Oggi è diventato difficile coltivare rapporti profondi e veri, perché i giovani sono imprigionati attraverso uno schermo che non gli permette di vivere la bellezza dei rapporti “faccia a faccia”, E’ emerso infine il bisogno di riscoprire le vere emozioni attraverso  una vera amicizia e la comunicazione; questi sono i veri valori,  l’amicizia, l’amore, la famiglia che sono i fondamenti nella vita di ogni uomo, per cui L’Amore è la solida realtà che va ricercata fino in fondo.

 

043

 

 

 

Per i giovani la FAMIGLIA rimane un punto di riferimento fondamentale, dove la persona cresce e si educa, la Famiglia influisce sulla formazione, affettività e sessualità. Attraverso l’amore condiviso, la famiglia porta avanti insieme l’educazione dei figli che molti ritengono un dono di Dio, in questo luogo si condividono, gioie e dolori un progetto di vita condivisa e comune.

048

 

 

 

Molti di questi giovani hanno ritenuto che il matrimonio celebrato in chiesa è una scelta naturale principalmente per chi è cresciuto in una famiglia cristiana, solo una minoranza ha dichiarato che molti si sposano in chiesa per non venire meno a una tradizione culturale e sociale, qualcuno ha indicato il matrimonio civile. Il matrimonio va in crisi, per mancanza di dialogo, egoismo, tradimenti. La coppia perde difronte all’individualismo sempre più presente. i giovani ritengono invece la convivenza necessaria e utile prima del matrimonio.

 

051

 

 

052

 

 

 

Un altro tema affrontato è quello della Sessualità e Omosessualità. L’amore nella coppia dello stesso sesso esiste ed è un sentimento che deve essere rispettato, pertanto i giovani sono favorevoli all’unione di persone dello stesso sesso ma sono contrari all’adozione di figli. I giovani ritengono che l’informazione sessuale deve essere affrontata con tre principi fondamentali: dal punto di vista prettamente medico, dal punto di vista psicologico e dal punto di vista ecclesiale.

 

054

 

 

 

COSA VOGLIONO I GIOVANI???

Sostegno alle povertà sociali e ai bisogni primari delle famiglie. Lo Stato dovrebbe garantire, maggiore assistenza e tutela dal punto di vista economico. Agevolare la costruzione di una nuova famiglia; accompagnare la famiglia nell’educazione dei figli e durante la loro crescita. tutelare le donne in gravidanza, introdurre un reddito di cittadinanza. I giovani ritengono la formazione scolastica sia parziale mentre quella ecclesiale carente. La famiglia va salvaguardata e tutelata. dando una protezione in più alle famiglie con figli numerosi. Sono favorevoli al riconoscimento della famiglia omosessuale e delle adozioni. Ammettono l’aborto solo in particolari casi molto delicati, alcuni dichiarano la legge sull’aborto da abolire e/o da rivedere.

 

063

 

 

069

 

 

 

I giovani chiedono più apertura da parte della Chiesa su alcuni temi, con una chiesa più aperta verso i più deboli, affrontare alcuni argomenti come l’omosessualità, ponendo al centro la dignità e il rispetto di ogni singola persona.

 

071

 

 

072

 

 

In questa logica si è svolto il primo Presinodo, in cui abbiamo visto Mons. Morosini guida spirituale in piena forma. Dopo la relazione su quanto fatto fino ad ora è emerso che per i giovani la famiglia è un punto fondamentale. Mons. Morosini ha quindi proposto due riflessioni su due punti che sono emersi e che lui indica di mettere subito in pratica:

La prima proposta riguarda i rapporti familiari:”Fatevi promotori di speranza a partire dalle vostre stesse famiglie! Aiutate i vostri genitori a superare i momenti difficili! Non stateli a guardare litigare! Aiutateli!”. Dai lavori è emersa questa necessità;

 

 

089

 

 

 

La seconda proposta riguarda la ndrangheta: “Aiutiamo le nostre famiglie laddove necessario, ad uscire dal circolo mortale della ‘ndrangheta. Senza risparmio e senza omertà se notiamo che in famiglia ci sono segnali di una presenza malavitosa interveniamo! E soprattutto date l’esempio! Rifiutate il denaro sporco che arriva in casa…credetemi, prima o poi brucerà e incendierà tutta la famiglia!”.

095

 

 

 

098

 

 

 

 

102

 

 

I  lavori dopo sono continuati con gli interventi da parte del pubblico e dei referenti delle Zone pastorali. Il secondo step del cammino sinodale si svolgerà all’insegna del seguente  tema:”Cittadinanza e Partecipazione”.

 

 

Reggio Calabria, li 23.3.2014

 

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *