Il Sito di Daniele Dattola

Melito “Lungomare dei Mille il polmone della cittadina” senso civico addio

 

E’ risaputo che la cittadina di Melito è costeggiata dal mare, dalle sue spiagge meravigliose e uno dei posti più belli è il suo “Lungomare dei Mille”, l’unico polmone meraviglioso della cittadina, punto di riferimento di tutti i Melitesi,  dei paesi viciniori e di tutti i turisti. La mattina ogni tanto mi ritrovo a fare una passeggiata ed ecco lo spettacolo che appare…guardate in che condizione l’hanno ridotto, non è solo colpa del tempo e dell’incuria guardate queste foto:

.

 

DSC_c1286

 

 

DSC_c1284

 

 

 

DSC_c1285

 

 

praticamente tutto viene divelto, non sappiamo chi ha commesso queste barbarie, ogni volta dico tra me stesso…perché?, perché?, perché? , sono atti che veramente oltrepassano ogni limite, siamo all’indecenza, atti vandalici e gravi.

 

DSC_c1279

Di per se stesso il lungomare è già malconcio per l’usura del tempo,  ma con queste azioni noi aiutiamo a renderlo impraticabile.

 

DSC_c1280

Dunque non voglio colpevolizzare nessuno, forse sono i tempi, e allora bisogna chiedersi a che serve impegnare tante risorse pubbliche, ripristinare tutto il Lungomare, se poi i soliti ignoti distruggono tutto, sono atti gravi e inspiegabili (I marmi rotti e tutti divelti evidentemente vengono usate leve metalliche)che mortificano e offendono tutta la città, deturpano l’ambiente opere che dovranno essere ripristinate al piu presto con impiego di risorse a cui dovranno far fronte tutti i cittadini e anche i familiari di chi compie questi gesti.

 

DSC_c1282

Dunque mi vengono in mente le parole di un amico, qua è venuto meno il senso civico delle cose, “sono persone che non vanno criminalizzate ma educate, qua siamo difronte al venir meno del futuro e dei Valori. Quindi noi abbiamo bisogno di uno Stato che sia presente, non soltanto dal punto di vista della repressione, ma anche dal punto di vista del progetto. Questa terra ha bisogno di un progetto . Bisogna educare le coscienze, reintroducendo l’educazione civica nelle scuole, perché questi prendano coscienza in quanto non sanno nemmeno quello che stanno facendo”. Nel frattempo prima di iniziare qualsiasi lavoro di ripristino sarebbe opportuno installare telecamere dappertutto con buona pace per la privacy.

Melito di Porto Salvo, li 26.5.2017

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi