Il Sito di Daniele Dattola

Melito di Porto Salvo manifestazione di chiusura del Referendum Modifiche Costituzionali

Melito di Porto Salvo, si è svolto  presso la Sala Convegni ex fortino, alle ore 16,30 del 26 novembre 2016, un’interessante incontro dibattito per la manifestazione di chiusura del Referendum Modifiche Costituzionali.

.

95

L’evento è stato organizzato dal Comitato del No, rappresentato dal Dr. Sandro Autelitano che ha moderato gli interventi e l’incontro.

5

Sono intervenuti quali relatori, Il Prof. Giancarlo Costabile docente presso l’Università della Calabria

110

e il Prof. Tonino Perna docente presso l’Università di Messina.

162

Entrambi hanno mirabilmente relazionato sui motivi per cui occorre votare No al prossimo appuntamento referendario. In sala vari Sindaci del nostro territorio, il Sindaco di Melito Giuseppe Meduri,

25

il Sindaco di Bova Marina Crupi,

146

il vicesindaco di Roghudi,

51

una vasta rappresentanza di Assessori tra cui Patrizia Crea,

16

Emma Toscano,

20

Rocco De Pietro

11

e Consiglieri Comunali di Melito. Il Consigliere Regionale Nicolo’ Alessandro, che è intervenuto,

105

e tante altre personalità politiche di tutto l’arco costituzionale. I lavori sono stati aperti con l’intervento di Domenico Marciano’, vicesindaco del Comune di Melito,

35

dopo di Lui vari e variegati sono stati gli interventi di molte personalità che hanno discusso sui motivi per cui occorre votare no al Referendum costituzionale del 4 Dicembre.

64                                                              (Pino Autelitano già Sindaco di Bova Marina)

66

115

117

126

136

In sintesi è emerso che la riforma Renzi non cambia nulla in termini di efficenza e di risparmi, ma è pericolosa perchè riduce gli spazi di democrazia a tutto vantaggio di un solo partito e di una sola persona, la partcipazione diretta dei cittadini alla vita pubblica ad ogni livello è la qualità necessaria per il successo e la democrazia di un Paese. Passando questa riforma il partito del Premier potrà avere influenza diretta e dominare e la Camera dei Deputati, e  lo stesso Senato, ottenere la fiducia al Governo, eleggere da solo il Capo dello Stato e i membri della Corte Costituzionale, molte competenze passano al Governo e le Regioni perdono potere per cui è stato fatto l’esempio della famigerata fabbrica del Carbone a Saline, che potrebbe essere aperta non avendo più la nostra Regione competenza in merito, col successo del si. Il Senato  ( sarà costituito da 95 Senatori provenienti dai Consigli Regionali e Sindaci -regalando agli stessi l’immunità parlamentare – e che sicuramente svolgeranno male i compiti loro affidati). La Sala era gremita di uditori, che hanno molto gradito gli interventi ed hanno applaudito più volte i relatori.

Guardate la galleria fotografica qui di seguito

Melito di Porto Salvo, li

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi