Il Sito di Daniele Dattola

MELITO CIRCOLO “MELI” : I MEGALITI DI NARDODIPACE

 

 

 

In data 7.7.2013 ci siamo recati in pullman a visitare i Megaliti di Nardodipace, partendo da Melito P.S..

 

DSCF3192_800x600

 

 

 

 

L’organizzazione è stata mirabilmente curata capillarmente dalla Prof.ssa Giulia Minicuci, per conto del Circolo Meli di Melito P.S..

Prima di parlare dei Megaliti, occorre accennare alla collezione dell’avv. Mario Tolone Azzariti di Girifalco, questa collezione vicino a Nardodipace ha come primi reperti un volto scolpito con gli occhi stralunati, un sole con tre lettere incise in una scrittura sconosciuta, e tavole grandi con iscrizioni  trovate nel novembre del 90, queste iscrizioni,  furono studiate per tutta la sua vita, dal Prof. Domenico Raso di Reggio Calabria. Il Prof. Raso dopo aver pubblicato tanti libri sui Megaliti, poco tempo fa è venuto a mancare. Epigrafe simili a quelle di Girifalco sono state trovate in Francia e in Sardegna. Raso ha sostenuto che queste tavolette sono legate a una antica cultura millenaria che ha preceduto in Calabria quella Magnogreca. Di questa collezione fa parte un piccolo sauro. Il Prof. Raso studiò questi reperti e quindi la relativa scrittura che ricondusse a una popolazione Pelasgica, provetti navigatori che disegnavano perfettamente le coste, antenati di diversi popoli Italici, si espansero in tutto il bacino Mediterraneo e i reperti trovati in Calabria sono simili a quelli della Toscana, Sardegna, Libia e Francia, non è una scrittura ma una prescrittura. Nella scrittura ad ogni segno corrisponde un suono, nella prescrittura a ogni segno corrisponde un forma espressiva ideo-pittografica. Questi reperti indicavano Nardodipace

 

DSCF3196_800x600

 

 

come “Città della Porta”, una postazione importante dei Pelasgi posta al Piano di Cianu. Tutto il gruppo viene accompagnato, guidato e istruito dal Prof. Giuseppe Marino un allievo di Raso che magistralmente ci ha illustrato i siti.

 

DSCF3215_450x600 DSCF3216_450x600

 

 

DSCF3214_450x600 DSCF3213_450x600

 

 

DSCF3206_800x600 DSCF3212_800x600

 

 

DSCF3217_800x600

 

 

 

DSCF3222_450x600 DSCF3224_800x600

 

 

DSCF3226_800x600

 

 

 

Queste gigantesche pietre risultano marcate da segnature Pelasgiche.

 

DSCF3229_800x600

 

 

La Struttura “B” narra attraverso le segnature pelasgiche, che in quel posto sono stati sepolti i “Signori del Mare” portati da queste popolazioni durante le loro navigazioni dal Mediterraneo parte sud-est.

 

DSCF3230_450x600 DSCF3231_450x600

 

 

 

Questo è riportato in almeno 15 reperti di Tolone. Questi re pelasgici furono portati alla Montagna della Porta all’incirca nel 5000 a.C., quando i Popoli del Mare d’Egitto e della Siria sbarcarono sulle coste Joniche Vibonesi e Catanzaresi.

 

DSCF3232_800x600

 

 

DSCF3233_800x600

 

 

 

DSCF3234_450x600 DSCF3235_450x600

 

 

Queste popolazioni avevano il culto del Dio serpente (colubro leopardino), insomma segni precisi che è difficile smontare.

 

DSCF3246_800x600

 

 

 

DSCF3237_800x600

 

 

DSCF3241_800x600

 

 

 

DSCF3250_450x600 DSCF3251_450x600

 

 

 

Seguiremo per quanto riguarda i siti A e B quanto ci illustra il Prof. Giuseppe Marino, espertissimo di queste cose

 

DSCF3215_450x600 DSCF3216_450x600

 

 

DSCF3296_800x600

 

 

 

e una guida che si è aggiunta al nostro gruppo di cui non conosco il nome,

 

DSCF3351_450x600  DSCF3201_800x600

 

 

li seguiremo anche attraverso i filmati che inserirò alla fine di questo articolo.

 

DSCF3252_800x600

 

 

DSCF3255_800x600 DSCF3262_450x600

 

 

DSCF3268_450x600 DSCF3271_450x600

 

 

DSCF3272_800x600

 

 

DSCF3273_800x600 DSCF3278_800x600

 

DSCF3269_800x600

 

 

 

DSCF3276_800x600

 

 

DSCF3279_800x600

 

 

DSCF3280_450x600 DSCF3285_450x600

 

 

 

DSCF3290_450x600 DSCF3289_450x600

 

 

 

DSCF3296_800x600

 

 

DSCF3306_450x600 DSCF3307_450x600

 

 

 

 

DSCF3313_450x600 DSCF3318_800x600

 

DSCF3327_800x600

 

 

 

 

DSCF3339_450x600

 

 

 

DSCF3366_800x600

 

 

 

 

DSCF3371_800x600

 

 

In località Campoli di Marina di Caulonia fu ritrovato lo scheletro di una donna con le braccia incrociate al petto, una scheletro della lunghezza di 1 mt e 86 cm. che richiama la leggenda di Omero sui giganti Lestrigoni, lo scheletro era nella stessa posizione di un re perto trovato da Tolone.

In chiusura richiamo quanto affermato dal Prof. Franco Mosino, noto filelleno di Reggio Calabria egli sostiene che l’Odissea apparteneva al periodo dei Greci Calcidesi reggini VIII° sec. a.C. Omero era molto informato del Popolo dei Lestrigoni, conosceva molte cose del periodo arcaico delle nostre coste e dei nostri mari. I giganti Lestrigoni  riuscivano a mettere a posto le pietre quindi il Prof. Mosino trovò molte corrispondenze tra i suoi studi e quelli del prof. Raso. Questi popoli del mare una volta seppelliti i suoi re si spostarono in Toscana, nell’alto Tirreno Francia e Sardegna. Una tavoletta indica una precedente patria atlantoidea che inabissatosi fece emigrare questo popolo nel Mediterraneo, nell’Africa e le coste europee. Dopo questo periodo di floridezza persero la loro grandezza diventando crudeli pirati. Ho notato durante l’escursione che tutta la montagna presenta un po’ la caratteristica di questi siti. I siti A e B sono posizionati all’apice di colline piramidali. Ci sono punti d’incontro tra levata e tramonto del sole e un allineamento con la stella Antares usata nel neolitico per orientare le tombe delle necropoli.

Una escursione culturale di elevato livello, grazie al Circolo Meli, a Giulia Minicuci e al Prof. Giuseppe Marino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nardodipace, li 7.7.2013

 

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *