Il Sito di Daniele Dattola

CON SEBASTIANO STRANGES NEI SITI ARCHEOLOGICI DI MELITO P.S. (FRAZ. PRUNELLA)

Sulle qualità e capacità professionali nel campo della ricerca archeologica di Sebastiano Stranges ho già scritto precedentemente in questo sito.

Immagine 154_450x600

 

 

 

Di lui ho scritto: ”Sebastiano Stranges è Ispettore Onorario del Ministero dei Beni Culturali e Ambientali, ora vi voglio descrivere questo personaggio attraverso la lettura fatta in un libro, edizione ETS Pisa 2004 dove l’autore sosteneva che: durante un esame un Prof. esperto, calabrese, ebbe a dire che la costa Jonica era un deserto archeologico, invece è grazie alla caparbietà di Sebastiano Stranges che insieme a Luigi Saccà (lavorano in equipe) non si sono scoraggiati dalla cronica mancanza di fondi della Sovrintendenza, segnalando grazie al loro amore per l’archeologia, alla stessa, centinaia di siti che vanno da Motta S. Giovanni, a Saline, a Melito, Condofuri, Bova e Bova Marina, Palizzi e Capo Spartivento. Dimostrando invece che la costa Jonica reggina altro che deserto archeologico, era invece un giardino fiorito. Quindi i ritrovamenti fatti da Stranges e le sue segnalazioni, insieme a quelli di Saccà, sono serviti a mappare un periodo che va dal Neolitico all’età del bronzo e per questo variegare di epoche e tradizioni, lo stesso Stranges afferma che diversi studiosi inseriscono la provincia reggina per i ritrovamenti del neolitico, al baricentro della Preistoria insieme alla regione della Mesopotamia”. Questi dati forniti da Stranges sono serviti ai grandi professori dell’archeologia per mappare il territorio della nostra costa jonica meridionale.

In data odierna ho avuto la fortuna di poter stare insieme a questo famoso personaggio,

Immagine 151_450x600

 

si è reso disponibile, a mia richiesta, per un giro nelle vicinanze di Melito, per farmi vedere e conoscere un po’ di archeologia locale. Ci incontriamo a casa mia in una pessima giornata di pioggia, ma la nostra voglia non ci ha impedito una lunga camminata insieme. Ci siamo recati in località Prunella di Melito, e salendo lungo le montagne, Stranges mi fa fermare l’auto e in un attimo mi mappa , dal punto di vista archeologico la zona in cui ci troviamo. Epoca età del Bronzo (dal 3.100 a.C. al 1200 a.C.), mi fa vedere alcuni insediamenti,

Immagine 148_800x600

 

 

Immagine 149_800x600

 

 

Immagine 153_800x600

 

 

 

molto materiale è andato distrutto per via dei lavori della forestale, portati a compimento tanti anni prima. Mi fa vedere un lunghissimo muro fatto in pietra,  un muro antichissimo, una cinta di pietre, fatta per delimitare una zona.

Immagine 181_450x600

 

 

Immagine 179_450x600

 

 

incontriamo casualmente il Dr. Antonio Orlando che si unisce  a noi,  a ridosso del muro, mi spiega che c’era un grande villaggio attorniato ai lati, dalla montagna con nel davanti, la visione del mare,

Immagine 200_800x600

 

un grande insediamento quasi nascosto dalle montagne, fatto di abitazioni dalle dimensioni di mt. 4×4; girando tra questi ruderi, tirava fuori dal terreno cocci di vasellame che stavano a dimostrare l’insediamento umano,

Immagine 150_800x600

 

e mentre  lo seguivo attentamente, cominciavo a capire dalle sue parole la grande inestimabile preparazione che ha in questo campo Sebastiano Stranges,

Immagine 155_450x600 Immagine 157_450x600

non riuscivo a trovare niente, mentre lui di volta in volta scopriva sempre nuovi reperti.

Immagine 160_800x600

Anni e anni di ricerca in quel posto,  lo hanno portato alla conclusione che i  cocci  erano di origine Maltese così anche l’insediamento. Nelle vicinanze di questo posto mi ha fatto vedere una tomba tholos  ormai distrutta per i lavori fatti a suo tempo in questa zona.

Immagine 164_800x600

 

Dopo siamo andati in un posto vicino, e mi ha mostrato un graffito scolpito su una roccia, dove probabilmente veniva immessa dall’alto una sostanza colorata , probabilmente sangue, che scendendo metteva in evidenza una figura femminile, il reperto è stranissimo ma importante, perché sicuramente, anticamente, veniva usata come una roccia votiva.

immagine SEBASTIANO MOD_452x464

Sulla forma si possono dare diverse interpretazioni

immagine Sebastiano_452x464

 

Addirittura sembra che sulla figura femminile sia sopra incisa la figura di un bue, sono però, impressioni personali…

Immagine 169_450x600

 

 

Immagine 173_800x600

 

 

Immagine 174_450x600

 

 

Immagine 175_450x600

 

 

 

Immagine 176_450x600

 

 

Immagine 177_800x600

 

Ecco, grazie a Stranges, una prima mappatura del nostro territorio. Saranno gli studiosi futuri a dirci qualcosa in più di questo graffito trovato da Sebastiano Stranges e che lui stesso ha studiato insieme alle Dr.sse: Antonella Repaci e Maria Caterina Lo Giudice, naturalmente è stato ripulito da terra, dai muschi etc  ecco come si presenta oggi.

Immagine 187_800x600

 

 

Immagine 192_800x600

 

 

Immagine 193_800x600

 

 

Immagine 195_800x600

 

 

Immagine 198_800x600

 

Immagine 162_800x600

 

 

Immagine 214_800x600

 

Non posso che dire GRAZIE a Sebastiano Stranges per la sua gentilezza, cortesia e per avermi fatto passare, nonostante il tempo, una magnifica mattinata archeologica, nei pressi di Melito P.S.

Melito di Porto Salvo, li 21.01.2012

 

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *