Il Sito di Daniele Dattola

REGGIO CALABRIA MESSA DEI TEMPLARI

 

(Alla fine del lavoro video)

 

Così come avevo annunciato precedentemente, ho partecipato, a Reggio Calabria,  giorno 23.6.2012, presso  una cappella privata,  alla celebrazione del Gran Capitolo Templare organizzato dall’ “Ordem Civil Y Militar dos Cabaleiros do Tempio”.

 

DSCF7779_800x600

 

 

 

 

Voglio ringraziare gli organizzatori dell’Ordine dei Cavalieri del Tempio, e la Dr.ssa Silvana Salvaggio

 

 

 

DSCF7853_800x600

 

 

che mi hanno consentito di partecipare e  fotografare  questa cerimonia che ritengo sia importante.  Mi hanno spiegato che ho avuto questo consenso ad immortalarla in quanto per i Cavalieri del Tempio, è stato un evento particolare per la presenza dell’officiante  la funzione religiosa Sua Eccellenza Leopoldo Francesco Luigi Mancini D’Ausignano, Monarca de Jure e de Facto della Pietà del Pellicano,

 

 

DSCF7607_450x600

 

 

 

In quanto a Quest’Ordine piace il motto “Essere ma non apparire”.

 

Di seguito la Cappella pronta per la celebrazione.

 

DSCF7560_450x600 DSCF7563_450x600

 

 

DSCF7567_800x600

 

 

 

DSCF7564_800x600 DSCF7565_450x600

 

 

Per fare capire meglio l’evento dove è stata officiata la:”Benedizione con la Comunione Templare” secondo il rito Cattolico Apostolico Assiro Caldeo, preciso che con questo nome venivano indicati i Cristiani dell’impero Persiano, detti Nestoriani, le cui origini risalgono all’apostolo Tommaso, questi Cristiani ebbero pochi contatti con Roma e L’impero Occidentale. Essi contrariamente ai Cristiani romani-Bizantini  seguivano il credo religioso del Cristo Dio-Uomo e Maria madre dell’uomo e non Madre di Dio. Nel 1500 iniziò grazie ai missionari Cappuccini e Domenicani un avvicinamento con la Chiesa di Roma.

Oggi la chiesa Assira è divisa in due rami uno Nestoriano, l’altro Cattolico-Caldeo. In Italia i Cattolici Assiro e Caldei hanno costituito la chiesa Ortodossa Orientale Assiro-Caldea, che ha giurisdizione sull’Europa Occidentale; questa Chiesa è entrata definitivamente in comunione con la chiesa Cattolica nell’anno 2005. La Chiesa Assiro Caldea d’Occidente fin dal 1648, si è occupata della formazione religiosa e culturale dell’Ordine Monastico Templare della Pietà del Pellicano.

La Chiesa Assiro-Caldea è presieduta da Sua Eccellenza Leopoldo Francesco Luigi Mancini D’Ausignano, Monarca de Jure e de Facto della Pietà del Pellicano, dove riveste il ruolo di Gran Priore Spirituale. Primate d’Italia e dell’ Europa Occidentale della Chiesa Cattolica Apostolica Assiro-Caldea; Marchese di Ausignano e Grande Inquisitore.

 

DSCF7822_450x600 DSCF7826_450x600

 

 

Breve Storia del Templarismo

L’Ordine religioso-cavalleresco (Fratres Militiae Templi), fondato nel 1119 da Ugo di Payns per la difesa del S. Sepolcro di Gerusalemme, conquistato dai crociati, e per la tutela dei pellegrini che vi si recavano. Riconosciuto da Onorio III nel 1128, fu sottoposto al diretto controllo papale nel 1139. La sua regola fu scritta sulla falsariga di quella cisterciense e venne fatta approvare da Bernardo di Chiaravalle al concilio di Troyes. Nell’anno mille i templari si distinsero in molte battaglie contro i musulmani. Il movimento crociato ebbe il privilegio dell’esenzione fiscale e giunse a ricoprire un ruolo cruciale nelle transazioni commerciali tra l’Europa e l’Oriente, questi fatti resero rapidamente i templari una vera e propria potenza economica e anche politica, mettendoli però anche in contrapposizione a molti sovrani. Resta comunque indubbio l’impegno dimostrato da parte dei Templari nel corso della storia per la difesa della cristianità. Recentemente è stato chiesto al Vaticano un processo di revisione che cancelli la condanna ecclesiastica dell’Ordine e rivaluti ufficialmente la figura dei Templari, così come è stato fatto per Galileo.

Che genere di attualità si possa riconoscere nella scelta templare?

E’ una domanda per rispondere alla quale si deve comprendere come e perché, prima di essere una istituzione, l’ordine cavalleresco fu un’idea – per accedere alla quale era necessaria una complessa iniziazione, attraverso cui impegnarsi a fare osservare le leggi e i valori sui quali si fondava.

Leggi e valori niente affatto trascendentali ma concreti, attuali, civili: solidarietà, difesa dei deboli, protezione degli orfani e delle vedove, delle fanciulle indifese, fedeltà alla parola data, lealtà verso il proprio stesso nemico, pietà per l’avversario battuto sul campo – tutte cose che nessuna rivoluzione, nessuna evoluzione, nessun trauma della storia, ha mai privato del loro effettivo significato.

Cose mai desuete – disattese sì, spesso, ma mai negate dalla coscienza civile dei popoli. Valori che la società odierna deve assolutamente riscoprire e perseverare, per raggiungere una nuova coscienza sociale indirizzata al bene comune.

 

All’inizio della cerimonia sono stati fatti accomodare le signore ed i signori presenti nella qualità di ospiti, poi hanno preso posto nel “quadrato” Insigni Cavalieri di altri Ordini Templari invitati a presenziare alla cerimonia ed infine hanno fatto la loro entrata rituale i postulanti, i novizi ed i cavalieri Templari dell’ O.C.M.C.T. ospitante, successivamente hanno fatto il loro ingresso i Dignitari dell’Ordine tra cui il Gran Cancelliere d’Italia Cav. Antonino Paolo Salvaggio, il Gran Maresciallo d’Italia Cav. Massimo Adriano Antonello D’Agostino preceduto dal suo Scudiero e il Gran Priore Generale d’Italia Cav. Antonino Aloi seguito dal suo Gran Portaspada. Per ultimo il Monarca della Pietà del Pellicano S.E. Mons. Mancini.

 

DSCF7757_800x600

 

 

DSCF7577_450x600 DSCF7578_450x600

 

 

 

DSCF7581_450x600 DSCF7584_450x600

 

 

 

DSCF7582_450x600 DSCF7585_450x600

 

 

DSCF7575_800x600

 

 

 

DSCF7589_800x600

 

 

 

DSCF7591_800x600

 

 

 

DSCF7593_800x600

 

 

 

DSCF7594_450x600 DSCF7595_450x600

 

 

 

DSCF7596_800x600

 

 

 

 

DSCF7597_800x600

 

 

 

DSCF7598_800x600

 

 

 

DSCF7599_450x600 DSCF7600_800x600

 

 

 

DSCF7602_800x600

 

 

DSCF7604_800x600

 

 

Il Gran Maresciallo d’Italia  Dr. Massimo D’Agostino, con il suo Scudiero che porta elmo e scudo di guerra s’inchina davanti al Gran Priore (Aloi) e offre la sua spada. Ciò significa che mette a disposizione tutta la magione nelle mani del gran priore.

Il Monarca bacia la spada e praticando l’unzione la benedice in alfa ed omega.Ciò vuol dire che sarà utilizzata a difesa del cristianesimo

 

DSCF7609_450x600 DSCF7614_450x600

 

 

DSCF7612_800x600

 

 

 

DSCF7610_450x600 DSCF7611_450x600

 

 

DSCF7615_450x600 DSCF7616_450x600

 

 

 

DSCF7620_800x600

 

 

 

DSCF7621_800x600

 

 

 

DSCF7623_450x600 DSCF7625_450x600

 

 

 

DSCF7627_800x600

 

 

 

All’inizio sono state accese le nove candele del candelabro (Hannukkah), corrispondenti ai nove  Gran Maestri fondatori dell’Ordine Templare.

 

DSCF7629_800x600

 

 

 

DSCF7630_800x600

 

 

 

DSCF7633_800x600

 

 

 

 

La cerimonia ha visto l’investitura di 4 novizi e la nomina di un cavaliere

 

DSCF7628_450x600 DSCF7828_450x600

 

 

DSCF7639_800x600

 

 

DSCF7643_800x600

 

 

 

DSCF7647_800x600

 

 

 

DSCF7648_800x600

 

 

DSCF7655_800x600

 

 

 

DSCF7658_450x600 DSCF7659_450x600

 

 

DSCF7664_450x600 DSCF7666_450x600

 

 

Ultimata la nomina dei novizi, inizia la nomina del Cavaliere

 

DSCF7673_800x600

 

 

DSCF7675_800x600

 

 

DSCF7676_800x600

 

 

DSCF7678_450x600 DSCF7679_450x600

 

 

DSCF7680_450x600 DSCF7681_450x600

 

 

DSCF7682_450x600 DSCF7686_450x600

 

 

DSCF7687_450x600 DSCF7692_450x600

 

 

DSCF7693_450x600  DSCF7694_800x600

 

 

DSCF7695_800x600

 

 

DSCF7699_800x600

 

 

Il neo Cavaliere viene fatto adagiare sul tappeto rosso con il volto all’ingiù

 

DSCF7701_450x600 DSCF7703_450x600

 

 

DSCF7704_450x600 DSCF7712_800x600

 

 

DSCF7706_800x600

 

 

 

Tutti i Cavalieri gli girano intorno recitando antichi brani.

 

DSCF7707_800x600

 

 

 

Uno di essi si avvicina al neocavaliere e gli inserisce alle estremità gli speroni

 

DSCF7708_800x600

 

 

 

Il neocavaliere tiene un piede sula croce

 

DSCF7711_800x600

 

 

DSCF7722_800x600

 

 

DSCF7729_800x600

 

I Cavalieri continuano a girare e a pregare, senza mai toccare il tappeto rosso.

 

Il neo Cavaliere viene sollevato e portato al cospetto del Gran Priore, dopo avergli tolto gli speroni

 

DSCF7732_800x600

 

 

DSCF7735_800x600

 

 

L’officiante gli pone le mani sul capo e subito dopo il Cerimoniere lo proclama Cavaliere, a questo punto tutti i Cavalieri presenti battono sul pavimento la punta della spada che provoca un particolare gradevole rumore.

 

DSCF7737_800x600

 

DSCF7738_450x600 DSCF7739_450x600

 

 

DSCF7740_450x600 DSCF7741_450x600

 

 

Questa fase la potete seguire nel filmato alla fine del servizio

 

DSCF7742_800x600

 

 

 

Al Cavaliere viene offerto pane bagnato nel vino e intinto nel sale.

 

DSCF7749_800x600

 

 

DSCF7754_800x600

 

 

 

DSCF7755_800x600

 

 

 

Tutti si complimentano con il nuovo Cavaliere

 

DSCF7758_800x600

 

 

DSCF7759_800x600

 

 

 

DSCF7764_800x600

 

A questo punto ha inizio la Comunione Templare.

 

DSCF7768_450x600 DSCF7770_450x600

 

 

DSCF7772_800x600

 

 

DSCF7779_800x600

 

 

DSCF7781_450x600 DSCF7782_450x600

 

 

DSCF7791_800x600

 

 

DSCF7822_450x600 DSCF7829_450x600

 

 

DSCF7830_800x600

 

 

 

DSCF7833_800x600

 

DSCF7835_800x600 DSCF7838_800x600

 

 

DSCF7846_800x600 DSCF7847_800x600

 

 

DSCF7865_800x600 DSCF7868_800x600

 

 

Scambio di doni

DSCF7876_800x600 DSCF7878_800x600

 

 

Saluti del Monarca

DSCF7883_800x600

 

 

 

DSCF7894_800x600

 

 

DSCF7902_800x600

 

DSCF7904_450x600 DSCF7905_450x600

 

DSCF7907_450x600 DSCF7914_800x600

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Reggio Calabria, li 23.6.2012

 

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *