Il Sito di Daniele Dattola

Brancaleone

30.10.11 A BRANCALEONE COL CIRCOLO MELI DI MELITO PS.-CHIESA TRIDETTI.

 

In data 30.10.11 ci siamo recati insieme ai componenti del  Circolo Meli a visitare il paese di Brancaleone ( questo argomento l’avevo già trattato in questo sito, quindi potete trovare l’articolo con la relativa storia completa  in “luoghi – Brancaleone”) il paese si trova arroccato in cima ad una rupe, si vedono i ruderi del castello e i resti della chiesa dedicata alla Madonna dell’Annunziata. Arrivati nella parte più alta, lo scenario che si presenta, è di un rudere di fabbricato con i muri appena accennati, una sorta di piccola piazzetta ove ancora è possibile vedere, nel pavimento dei cunicoli sotterranei dove venivano seppelliti i sacerdoti e qualche nobile autorità del paese, naturalmente il terremoto ha fatto la sua parte). Le persone decedute venivano qui trattate come nella cittadina di Bova, cioè adagiati seduti per far decantare i liquidi ( questo argomento è stato trattato esaurientemente da Sebastiano Stranges in un suo recente articolo).

 

Immagine 311_797x600                           (Ruderi della chiesa dell’Annunziata, si intravedono i cunicoli con le tombe)

 

Continua a leggere

FacebookTwitterGoogle+Condividi

BRANCALEONE (RC) E LA CHIESA DI S. MARIA DI TRIDETTI

(Alla fine del lavoro apposito video filmato)

Questa volta con l’inseparabile Nino Marino, ci siamo recati in un vecchio importante centro della costa Jonica meridionale, Brancaleone, posto tra Capo Spartivento e Capo Bruzzano. Il livello dal mare varia dai 10 mt di Brancaleone marina, ai 300 mt. per il borgo antico. Limita con il mare Jonio, e con i comuni di Bruzzano Zeffirio, Staiti, Palizzi. Ha una spiaggia di circa 9 km., distante da Reggio Cal. all’incirca 65 km., conta circa 4.000 abitanti.
Brancaleone é costituito da un borgo antico (Brancaleone Superiore) e dal paese attuale posto sul mare Jonio (Brancaleone Marina). Speriamo, attraverso la descrizione dei luoghi e le foto, di potere fare rivivere anche a Voi l’entusiasmo che abbiamo provato noi, visitando questi luoghi.
Per arrivare al Borgo antico la strada è molto comoda, se non nell’ultimo tratto, che va fatto a piedi (circa 100mt). Si prende il bivio alla fine del paese in direzione Staiti, dopo alcuni chilometri, la strada diventa panoramica con diversi tornanti, in prossimità della frazione Razzà si accede dopo un curva stretta in una strada in mezzo a delle abitazioni e si sale sempre, fino a quando s’incontra un bivio con una piccola …

 

Continua a leggere