Il Sito di Daniele Dattola

BAGALADI

Dista da Melito circa 15 Km.,  si trova alle pendici del monte S. Angelo, a destra del torrente Tuccio.

Immagine 003 PANORAMICA FIUMARA                                                                (Panorama di Bagaladi dal Ponte Tuccio)

A 450 mt sul livello del mare. Conta 1.327 abitanti. Bagaladi è un paese che fa parte della Comunità Montana versante Jonico meridionale sue frazioni sono: Embrisi, Jelasi e Sauccio.

Immagine 001 TUCCIOImmagine 007 ACCESSO SUL PONTE TUCCIO

(Ponte Tuccio)

 

Come tutti i centri montani Jonici è stato sempre ipotizzato che l’origine di Bagaladi si è avuto con le invasioni nelle coste da parte dei Saraceni. Si sostiene che l’origine del nome indica il possesso di questa terra da parte della famiglia Vadalà con l’aggiunta del suffisso -adi. Vadalà deriva dall’arabo “Abd Allah” (Che significa Servitore di Dio”).

Immagine 059 foto panoramica

( Panorama di Bagaladi)

Si dice anche che la nascita di questo Centro è legato all’insediamento dei monaci Basiliani, provenienti dal monastero SS. Salvatore di Messina. Compare negli atti del 1098, per delle concessioni fatte tramite un documento al Monastero di S. Angelo, dal conte Ruggero, nel quale viene chiamato Tucchio. La località viene, inoltre,  chiamata in altri due documenti, uno del 1275 e del 1276 Vallis Tutii o Val di Tuccio. In questo territorio sono sorti numerosi monasteri basiliani oltre a S. Angelo, (che è il più importante, costruito da monaci basiliani scappati dall’occupazione araba in Sicilia). S. Teodoro, S. Fantino e S. Michele.

Si crede sia sorto tra il IX° e X° sec.. E’ un paese importante per la produzione dell’olio e anche agrumeti, vigneti ed ortaggi. Fu sede nel 1276 dell’Archimandrito del SS. Salvatore di Messina  divenne frazione della Baronia dell’Amendolea fino al 1488, (tolto per la congiura dei baroni), passò agli Abenavoli del Franco, spodestati per aver parteggiato per i francesi (spedizione Lautrec). Nel 500 passò unitamente all’Amendolea e S. Lorenzo prima al cosentino Bernardino Martirano e poi ai principi di Mileto diventò successivamente feudo dei Marullo, e dei Ruffo 1608-1806. Con la riforma amministrativa voluta dai francesi nel 1806, fu governata dal Comune di Melito, elevata a comune nel 1811, rimase sotto la giurisdizione del comune di Melito. Subì gravi danni durante i terremoti del 1783 e del 1908 rimasero danneggiate due chiese, quella Bizantina della SS. Annunziata e la chiesa di S. Teodoro del 1628. Fu colpita dalla malaria e bonificata, venne costruito a cura del Prof. T. Evoli un centro antimalarico.

BAGALADI 1° GRUPPO DI MALARICI 1909 buona copia

 

Nel 1860 accolsero Garibaldi calorosamente.

Immagine 022 TARGA GARIBALDINA

 

Questo paese ha una vocazione agricola, i territori intorno a Bagaladi sono ricchi di uliveti,  si produce un ottimo e rinomato olio di oliva,

Immagine 017 pianta ulivoImmagine 082 olive

 

(Insistono in questo paese molti frantoi per la lavorazione dell’olio tra cui quello di Michele Moro), formaggi, salumi, caratteristico e rinomato è il capicollo i prodotti caratteristici della zona e dal lato culinario a guastella, lo stomatico, i cuddureddi, le crespelle, le frittole

Immagine 025 pronte per le frittoleImmagine 028 frittolataImmagine 046 frittole

(Frittoliata peccato che non potete sentire il profumo)

 

vi sono varie aziende agricole e agriturismi. Da visitare la chiesa di S. Teodoro,

Immagine 088 CHIESA S copiaImmagine 089 PARTICOLARE PORTALE CHIESA S copia

(Facciata della chiesa di S. Teodoro)

Immagine 106 copia

con un gruppo marmoreo bianco- Madonna e  Angelo del 1504- attribuito al Gaggini.

Immagine 096 gruppo del Gaggini

Immagine 104 madonna GagginiImmagine 105 angelo Gaggini

(Chiesa di S. Teodoro Gruppo marmoreo Bianco del 1504 attribuito al Gaggini)

E’ un lavoro di enorme bellezza, chi si reca a Bagaladi non può fare a meno di andare a vedere quest’opera insieme a una croce Bizantina, unica. Sarete accolti dal  parroco (Manti) persona di una gentilezza innata.

Immagine 099  crocefisso bizantino 2                                                             (Chiesa di S. Teodoro – Croce Bizantina)

Immagine 095 santoImmagine 093

(S. Teodoro)                                          (Vestito della Madonna intessuto in oro)

 

Immagine 094 Gesu'

(Statua di Gesù)

La chiesetta privata di S. Bruno e la Madonnina dell’Ulivo, posta su una terrazza fuori dal paese -S. Giovanni-

Immagine 070 madonna dell'olivo 3                                                             (S. Giovanni- Madonnina dell’Olivo-)

da dove si può ammirare il paese in tutta la sua bellezza.

Immagine 072 panorama

Da visitare anche il Monumento ai Caduti,

Immagine 109

il Museo dell’arte e della civiltà contadina presso il centro Sociale  e con un’apposita guida i ruderi delle case coloniche, i laboratori artigianali, i vecchi frantoi  i mulini ad acqua.

Immagine 048 mulino

Sindaco attuale del Comune di Bagaladi è Federico Curatola.

Ed ecco altre foto di Bagaladi.

Immagine 003 STRADA DI NOTTE

Immagine 007 ACCESSO SUL PONTE TUCCIO Immagine 014 Immagine 019 casale

Immagine 020 MunicipioImmagine 023Immagine 026

Immagine 028 verso il centroImmagine 029Immagine 030

Immagine 032 foto centroImmagine 033Immagine 034 fontana

Immagine 037 dal centro Immagine 038 il centro Immagine 042 alberi

Immagine 043 tra il vecchio e il nuovoImmagine 044 gruppo case in costruzioneImmagine 052 gruppo di case isolate

Immagine 059 foto panoramicaImmagine 072 panoramaImmagine 085

Immagine 086 targa ricordo MariaImmagine 087 Immagine 090 rudere nel paese

Immagine 107Immagine 108Immagine 110 scala

Oltrepassando Bagaladi si raggiungono i Campi di Russo, con due aree picnic, immersi in una fitta vegetazione di boschi e la meravigliosa vista dello Stretto.
Importanti le manifestazioni del Gonfalone e la sagra dei prodotti tipici che si svolge la prima domenica d’agosto.
Il Presepe Vivente il dicembre di ogni anno.

“Paleariza” tutti gli anni nel mese di agosto, ecco alcune foto di Agosto 2006.

Immagine 044 UN'ARTISTA DURANTE UNA ESIBIZIONEImmagine 045 UN MUSICISTA DURANTE PALEARIZA

Si ringrazia Nino Marino per la collaborazione al servizio fotografico.

13.02.2008                                                                                                                                                     daniele  dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *