Il Sito di Daniele Dattola

AIParC Nazionale visita a Piazza Armerina

Piazza Armerina 26.5.2018, grazie all’AIParC Nazionale e al gemellaggio con AIParC  di Piazza Armerina, (nuova entry),  abbiamo potuto visitare questo incantevole posto, immerso in una enorme estensione di verde.

.

Pzza Armerina258

Tutto mi aspettavo, avevo sentito parlare della splendida Villa del Casale, ma non di potere avere questa possibilità, di visitare questa cittadina di 21.000 abitanti, bellissima, ricca d’arte e di cultura, grazie ai suoi monumenti e alla sua storia, ecco sono rimasto sorpreso per la bellezza di quei luoghi. Arrivati al Centro si nota subito la parte antica che si trova in alto, e nella parte più alta la grande cupola della Cattedrale che sovrasta tutti e tutto. Una visione unica. Si cammina lungo strade antiche, che affascinano per il tufo giallo con cui sono costruite le case. Bello il Palazzo di Città, la piazza Garibaldi etc. una cosa che lascia il segno è il monumento dedicato al Generale A. Cascino che ebbe la medaglia d’oro al valor militare.

Pzza Armerina017

Una città ricca di storia, interessantissimi i ritrovamenti archeologici, preistorici. La città ebbe periodi fiorenti già durante l’epoca romana, quella dei Normanni del 1100, il periodo Aragonese, nel quale venne costruito il Castello.

Pzza Armerina139

La città ebbe nel periodo tra il seicento e il settecento il massimo splendore, che venne meno nei periodi successivi. Occorre quindi fare un plauso alla Presidente Nazionale Irene Tripodi,

Pzza Armerina251

Pzza Armerina064

che grazie ad un’organizzazione perfetta ci ha fatto trascorrere una preziosa giornata affidandoci nella mani di un’ottima guida turistica Ettore, che svolge il proprio lavoro con grande amore e professionalità.

Pzza Armerina062

Pzza Armerina193

Pzza Armerina036

Abbiamo visitato Piazza Duomo,  e l’Opera colossale per eccellenza, il Duomo, voluto e costruito dal Barone Marco Trigona, con all’interno una forma di croce latina con cappelle poste ai lati dove sono custodite numerose opere di alto pregio artistico.

Pzza Armerina029

Al Centro della Piazza si erge la statua  di Marco Trigona nella parte laterale il Palazzo Trigona della Floresta del 1700.

Pzza Armerina032

Abbiamo visto il Castello Aragonese, il Palazzo Starrabba, La chiesa della Madonna della Neve, con il convento degli Agostiniani, il Collegio dei Gesuiti e tanto altro cosi come potete vedere nella galleria fotografica che è inserita alla fine di questo lavoro. Il quartiere Canali con l’antica fonte.

Pzza Armerina264

Il Teatro Garibaldi. Ci hanno fatto presente che ad Agosto si svolge un palio che è una cosa da vedere. Abbiamo avuto anche il piacere di assistere ad una sfilata storica.

Pzza Armerina304

La nostra guida naturalmente non poteva fare a meno di farci visitare la Pinacoteca Comunale, piena di quadri belli e di inestimabile valore.

Pzza Armerina115

Infine la visita alla splendida Villa del Casale, un monumento romano tra i più importanti del mondo, dichiarato dall’UNESCO “Patrimonio inalienabile dell’umanità”. Costruita tra la fine del III secolo e gli inizi del IV° secolo d.C. ci sono in questo luogo circa 3500 mq di mosaici che rivestono l’intera Villa, una tecnica che i Romani appresero dai greci che creavano delle immagini con tessere marmoree di circa un cm. I pavimenti arrivavano dalla Tunisia. Si sostiene che la villa era la residenza estiva dell’Imperatore romano Maximianus Herculius, costruita sui resti di una precedente villa del II° sec. d. C. I romani la usarono fino al 440. Dopo fu posseduta dai Vandali, Visigoti, Ostrogoti, Bizantini, Arabi, Normanni etc. fino a quando a causa di una frana del monte Mangone fu completamente seppellita, e per questo si è conservata anche se fu a periodi diversi fino al 1800 depredata da scavatori clandestini. Nel 1881 iniziarono i lavori che furono completati nel 1929 dal Senatore Paolo Orsi. Oggi la parte centrale ben protetta, può essere visitata grazie a passerelle rialzate, mentre i mosaici sono protetti da tetti in plexiglass. Potete seguire la visita attraverso la galleria fotografica, vari sono gli ambienti il Tepidarium,

Pzza Armerina340

la Sala delle unzioni, il frigidarium, la grande latrina, l’edicola di Venere, il cortile poligonale, l’ingresso,

Pzza Armerina380

il Vestibolo,

Pzza Armerina441

Il Peristilio, La Cappella per il culto dei Lari, La Palestra del Circo, la Cucina, la Sala della danza, La Sala delle quattro stagioni, Sala degli amorini Pescatori, Sala delle ragazze in Bikini.

2 Armerina 119

Diaeta di Orfeo.

2 Armerina 098

e tanto altro ancora

2 Armerina 002

2 Armerina 064

2 Armerina 203

Una giornata magica, in un’ambiente storico affascinante. Complimenti agli organizzatori. Di seguito le Gallerie fotografiche.

Piazza Armerina, li 26.5.2018

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi