Il Sito di Daniele Dattola

AFRICO VECCHIO IERI (PETRELLI) E OGGI.

Nel 1948 L’Europeo pubblicò un servizio sulle condizioni del Mezzogiorno,  e per mettere in risalto la povertà dell’estremo sud fece effettuare un servizio fotografico ad Africo Vecchio  ad un rinomato fotografo che era Tino Petrelli, che ci ha lasciato una serie di fotografie bellissime di Africo e delle condizioni di vita di allora, per darvi l’idea pubblico qualcuna, solo per un confronto tra ieri e oggi, le foto sono state tratte da vari siti internet. Le foto scattate allora dal Petrelli furono numerosissime, per cui oggi sono un importantissimo documento fotografico di quella che era la vita nel 1948 ad Africo eccone alcune:

AFRICOVECCHIOPAESAGGIO1948PETRELLI

(F. T. Petrelli da internet)

 

 

AFRICOSTRADACONDONNE1948PETRELLI_thumb

(F. T. Petrelli da internet)

 

 

STRADACONDONNEALTRASPORTODICOSE_thumb

(F. T. Petrelli da internet)

 

 

AFRICODONNEP_thumb

(f. T. Petrelli da internet)

 

Una violenta alluvione nel 1951, costrinse gli abitanti ad abbandonare il paese, essi si stabilirono nel territorio di Bianco lungo la statale 106. Per cui questo centro oggi è abbandonato, per raggiungerlo occorre arrivare a Bova Marina, salire verso Bova e raggiungere i Campi di Bova, dopo si deve prendere la discesa di Pedempiso

DSCF0558_800x600 DSCF0563 modificata_800x600

 

 

DSCF0581_800x600

 

 

DSCF0582_800x600

 

 

DSCF0583_800x600

 

 

DSCF0585_800x600

 

fino ad arrivare alla contrada Carrà da qui si lascia l’automobile e si raggiunge il paese a piedi.

DSCF0584_800x600

 

Si arriva alla casa detta:”dello  Strapunto”

DSCF0592_800x600

 

 

Ecco cosa si vede più in basso

DSCF0594_800x600

 

una serie di fabbricati dell’epoca del fascio che ricomprendevano, la caserma dei carabinieri, le scuole elementari etc.

Qui bisogna lasciare le automobili e proseguire a piedi. Prima di arrivare al paese i ruderi di un antico frantoio

DSCF0595_800x600

 

 

DSCF0596_800x600

 

 

DSCF0602_800x600

 

 

 

DSCF0600_800x600

 

E’, un percorso che ho già fatto e descritto in questo sito in data 17.8.2011, in quell’occasione dopo la pubblicazione delle foto mi scrisse l’Associazione Santu Leu apricus ribadendomi che il Borgo oggi era ripulito grazie alla loro azione e poteva essere visitato, praticamente prima era invaso dai rovi che non consentivano di camminare tra i  ruderi. Ho deciso quest’anno di fare un’altra visita al borgo, chi vuole può visitare il mio precedente servizio, i paesaggi sono bellissimi,

DSCF0605_800x600

 

la nostra macchia mediterranea si presenta stupenda, i rovi sono sempre li pronti ad avanzare dappertutto.

Il paese ha un origine molto antica, probabilmente cosi come ci tramanda la tradizione, sembra che discenda dall’antico centro di Melea un centro abitato dagli antichi italici, descritto anche da Tucidide, posto ai confini tra Reggio e Locri.

 

DSCF0606_800x600

(Casa dello strapunto)

 

 

DSCF0609_800x600

 

 

DSCF0611_800x600

Il dialetto ha delle inflessioni etrusco-toscane invece che italo grecaniche, cioè popolazioni preesistenti ai grecanici. Si trova a 700 m dal livello del mare, il nome deriva dal latino “apricus”, paese posto al sole,

DSCF0613_800x600

 

 

 

DSCN0540_800x600

 

 

DSCF0612_450x600 DSCF0617_450x600

 

 

 

DSCF0615_800x600

 

 

 

DSCF0616_800x600

 

 

 

DSCF0621_800x600

 

 

 

DSCF0622_800x600

 

 

 

DSCF0625_800x600

(ed ecco il centro del paese con la chiesa)

 

 

 

DSCF0626_800x600

 

 

 

DSCF0628_800x600

 

 

 

DSCF0630_450x600 DSCF0633_450x600

 

 

 

DSCF0652_800x600

(I compagni di viaggio con davanti la guida)

 

 

DSCF0660_800x600

 

 

 

DSCF0663_800x600

 

 

 

DSCF0665_800x600

 

 

 

DSCF0669_800x600

 

 

 

DSCF0672_800x600

 

 

 

DSCF0673_800x600

 

 

DSCF0676_800x600

 

 

DSCF0684_800x600

 

 

DSCF0689_450x600 DSCF0690_450x600

 

 

DSCF0694_800x600

 

 

 

DSCF0695_800x600

 

 

DSCF0696_450x600 DSCF0693_450x600

 

 

 

DSCF0700_450x600 DSCF0702_450x600

 

 

 

DSCF0701_800x600

 

 

 

DSCF0703_450x600 DSCF0705_450x600

 

 

 

DSCF0711_800x600

 

 

 

DSCF0728_450x600 DSCF0729_450x600

 

 

 

DSCF0737_800x600

 

 

DSCF0739_800x600

 

 

 

DSCF0740_800x600

 

 

DSCF0714_450x600 DSCF0743_450x600

 

 

DSCF0744_800x600

 

 

DSCF0748_800x600

 

 

 

DSCF0751_800x600

 

 

 

DSCN0545

 

 

 

davanti al paese in alto si staglia e si vede chiaramente un altro centro, Casalnuovo vecchio.

 

Immagine017_800x600_thumb

(In alto Casalinuovo)

 

Africo dipendeva dal Feudo di Bova, l’imperatore Arrigo VI lo diede all’Arcivescovo di Reggio che lo tenne fino alla fine dei feudi 1806. Ormai rimangono solo ruderi, Tinelli fotografò lo stile di vita degli abitanti, io ho fotografato i ruderi, ma vi posso assicurare che camminando tra questi ruderi si sente la presenza umana di quelli che ci abitavano.

Non poteva mancare una sosta di ristoro ai campi di Bova.

DSCF0761_800x600

 

 

Africo, li 24.8.2012

 

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi

2 risposte a AFRICO VECCHIO IERI (PETRELLI) E OGGI.

  • sTRAORDINARIO ED AFFASCINANTE. Desidero da anni visitare Africo, vedere le caldaie del latte e la rocca del drago. A questo proposito una domanda: è possibile raggiungere Africo vecchio salendo da Casalnuovo? Il navigatore mostra la strada, ma vorrei sapere se è troppo accidentata. Se mi lascia la Sua mail Le invio l’itinerario che avrei intenzione di fare. Grazie

    • Africo io l’ho sempre raggiunto percorrendo la strada da Bova , Campi di Bova poi sempre più su fino a dove c’è un bivio verso dx salendo che porta a Africo, Casalnuovo è la stessa strada ma con direzioni diverse. Da Africo si vede Casalnuovo in alto sulla dx guardando a nord. Le Caldaie del late e la Rocca del Drago sono nel territorio di Roghudi altra cosa. Si faccia accompagnare da qualcuno che conosce la strada per Africo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *