Il Sito di Daniele Dattola

30.10.11 A BRANCALEONE COL CIRCOLO MELI DI MELITO PS.-CHIESA TRIDETTI.

 

In data 30.10.11 ci siamo recati insieme ai componenti del  Circolo Meli a visitare il paese di Brancaleone ( questo argomento l’avevo già trattato in questo sito, quindi potete trovare l’articolo con la relativa storia completa  in “luoghi – Brancaleone”) il paese si trova arroccato in cima ad una rupe, si vedono i ruderi del castello e i resti della chiesa dedicata alla Madonna dell’Annunziata. Arrivati nella parte più alta, lo scenario che si presenta, è di un rudere di fabbricato con i muri appena accennati, una sorta di piccola piazzetta ove ancora è possibile vedere, nel pavimento dei cunicoli sotterranei dove venivano seppelliti i sacerdoti e qualche nobile autorità del paese, naturalmente il terremoto ha fatto la sua parte). Le persone decedute venivano qui trattate come nella cittadina di Bova, cioè adagiati seduti per far decantare i liquidi ( questo argomento è stato trattato esaurientemente da Sebastiano Stranges in un suo recente articolo).

 

Immagine 311_797x600                           (Ruderi della chiesa dell’Annunziata, si intravedono i cunicoli con le tombe)

 

 

Immagine 312_452x600 Immagine 314_452x600

(Alcune lapidi poste sul pavimento della ex chiesa dell’Annunziata)

 

 

Immagine 320_452x600 Immagine 343_797x600

(Pavimento della chiesa)          (Cunicolo scavato sotto il pavimento della chiesa per raggiungere le tombe)

 

 

Immagine 016_800x600

(Ruderi del Paese)

 

 

Immagine 060_450x600

(Pozzo raccolta acqua)

 

Ci siamo dopo recati in direzione Reggio dall’altro lato per raggiungere la zona del castello ecco come si presenta oggi la zona, qui hanno trovato a terra dei contenitori di derrate.

Immagine 030_800x600

 

 

Immagine 041_800x600

 

Immagine 043_800x600

Da questo punto la vista della vallata è veramente spettacolare

Immagine 278_797x600

 

L’immancabile foto di gruppo.

Immagine 036_800x600

 

Alle spalle del gruppo i ruderi del castello , scendendo ancora si trovano le grotte.

Immagine 349_452x600 Immagine 350_452x600

 

Nei tempi antichi Brancaleone, e il suo territorio venivano chiamati Sperlinga o Sperlonga, che deriva dal latino Spelonca e dal greco Spélugx che significa caverna o spelonca.

Le origini del paese si rifanno sicuramente alle grotte presenti. Tra il V° e VI° sec. arrivarono qui dall’Oriente e quindi dalla Sicilia i monaci greci detti Basiliani per l’ordine a cui appartenevano.

 

Immagine 352_797x600

(Altre grotte il cui accesso è difficile per il sentiero franato)

 

Essi furono favoriti dalla grecanicità dei luoghi, e come ben si sa, abitarono prima nelle grotte, vivendo una vita di eremitaggio e di penitenza, col tempo le grotte furono abbandonate ed i monaci costruirono e dimorarono nei monasteri, riunendosi tra di loro. Diedero una forte mano di aiuto alle popolazioni locali, favorendo la nascita di questo centro. Nel 1300 i monaci di Brancaleone, abbandonarono le grotte scavate nella roccia, per vivere in un monastero, erano in tutto in numero di 8, nel 1310 vi era una chiesa protopapale a Pressocito.

Immagine 355_797x600

 

Una delle grotte che si trovano in questo posto ha connotazione di chiesa, e questo tipo di grotte vengono chiamate chiese grotte.

Immagine 361_452x600  Immagine 364_452x600

 

 

Una di queste, è ancora perfettamente conservata, e presenta un pilastro centrale e motivi architettonici, che si dipartono dal pilastro. Ad oriente vi è la traccia di un altare e sul lato destro vi è una croce graffita con ai piedi un pavone stilizzato. Noi non abbiamo trovato nella grotta altri graffiti che senz’altro erano presenti nei tempi passati, opera probabilmente del vandalismo incessante cui sono destinati questi luoghi.

Invece Sebastiano Stranges ha fotografato la croce graffita descrivendola con più precisione e alle sue conclusioni vi rimando.

Immagine 363_452x600 Immagine 357_452x600

 

 

Immagine 360_452x600 Immagine 362_452x600

 

 

Immagine 071_800x600

 

 

Immagine 073_800x600

 

 

Immagine 074_800x600

 

 

Immagine 075_800x600

 

 

Immagine 076_800x600

(Croce graffita con pavone stilizzato)

 

 

Immagine 077_800x600

 

 

 

Immagine 080_800x600

 

Dopo questa visita a Brancaleone ci siamo recati in un’altra importante chiesa quella di S. Maria di Tridetti posta in una vallata vicino Staiti,

Immagine 438_449x600 Immagine 434_797x600

 

famoso monumento bizantino, dove vivevano un gruppo di monaci Basiliani. Pare fosse una chiesa sorta sui ruderi di un antico tempio di Nettuno, dal cui tridente, posseduto dal Dio, deriva il nome.

clip_image002[6]clip_image002[8]

 

 

clip_image002[10]clip_image002[12]

 

 

clip_image002[18]clip_image002[16]

 

E’ un importante monumento, la cui origine è un po’ sconosciuta. Risale all’XI° sec., non è un’architettura riscontrata in altre parti della Calabria, è di epoca Bizantina Normanna. Località molto suggestiva, posta in una valle, tra ulivi e querce secolari.

La chiesa si presenta con un abside e un campaniletto ci sono varie volte e si vede il posto dell’altare centrale. Noi vi invitiamo a visitare questo posto perché si respira un’atmosfera ricca di silenzi di profumi e di sole.

 

clip_image002[20]clip_image002[22]

 

 

clip_image002[24]Immagine 124_450x600

 

 

Immagine 122_800x600

 

 

Immagine 125_450x600 Immagine 131_450x600

 

 

Immagine 129_800x600

 

 

 

Immagine 133_800x600

 

 

 

Immagine 135_800x600

 

Melito di Porto Salvo, li 21.2.12

 

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *