Il Sito di Daniele Dattola

2° SERATA CIRCOLO CULTURALE MELI FRANCESCO IDOTTA:”ROTTE MEDITERANEE”

 

DSCF1905_800x600

 

 

 

Melito di Porto Salvo, 24.5.2014, ore 18,30, Circolo Culturale “Meli”, 2° giornata degli incontri su le “rotte Mediterranee”, dove vengono affrontati e dibattuti il tema dell’immigrazione e della diversità.

 

DSCF1906_800x600 DSCF1921_800x600

 

 

 

Nella prima giornata abbiamo assistito alla mostra fotografica di Vizzari, con gli scatti professionali in bianco e nero dello stesso, del 2010 quando a Rosarno è scoppiata la rivolta degli operai giornalieri, extracomunitari.

 

DSCF1798_800x600

 

 

 

Nella 2° giornata protagonista assoluto è stato il prof. Francesco Idotta, che ripreso il tema delle sue opere “Rotte Mediterranee” e “La Lingua dell’altro”.

 

DSCF1934_800x600

 

 

 

Il Prof. Idotta, introdotto dal Presidente del Circolo “Meli” avv. Pasquale Pizzi,

 

 

DSCF1918_800x600

 

 

 

 

e dalla Prof.ssa Mafalda Pollidori,

 

DSCF1932_800x600 DSCF1940_800x600

 

 

 

 

ha aperto una riflessione sulle tematiche della convivenza e dell’accoglienza del diverso, dal punto di vista della filosofia e dell’attualità.

 

DSCF1943_800x600

 

 

 

Riporto qui uno  spunto di Francesco Idotta scritto quale introduzione del suo libro il 15 gennaio 2009

Itinerari per una Filosofia Mediterranea

Sembra necessario continuare a segnare altri itinerari di pensiero, i quali – confrontandosi con alcune tra le più attuali questioni oggetto della riflessione filosofica europea contemporanea – si inoltrino, in modo radicale, tra le acque del Mar Mediterraneo.

Il Mare Nostrum è oggi, forse più che mai, un punto di incontro tra civiltà: occorre una rilettura attenta delle dinamiche etico-politiche che in esso si intrecciano quotidianamente da millenni; soprattutto per consentire l’incontro con il “diverso”, con “l’altro” da sé.

 

DSCF1956_800x600 DSCF1960_800x600

 

 

 

Si cercherà di definire il ruolo che la filosofia ha nel processo di sviluppo dei linguaggi umani (arte, politica, religione) i quali possono unire, ma anche dividere aspramente. Sottolineando l’utilità di un pensiero valutativo e la pericolosità dell’applicazione di un’etica fondata sull’omologazione forzata;

 

DSCF1916_800x600 DSCF1915_800x600

 

 

 

 

si percorreranno i sentieri che i pensatori contemporanei hanno contribuito a segnare, per favorire lo sviluppo della riflessione filosofica e la pacifica convivenza nell’area mediterranea; tenendo in conto che la filosofia è oggi una disciplina fondamentale per acuire l’esigenza del confronto e attuare quella svolta per una nuova visione del mondo, “innalzando” prospettive differenti, dall’alto delle quali osservare la diversità trasformarsi in ricchezza.

Ogni uomo deve confrontarsi col proprio abitare: non basta vivere in un luogo, occorre vivere il proprio luogo, affinché da esso si origini una voce nuova, che arricchisca il molteplice.

 

DSCF1958_800x600 DSCF1941_800x600

 

 

 

Così come latitudine ed altitudine sono discriminanti fondamentali per la determinazione di flora e fauna, allo stesso modo lo sono per l’uomo. L’uomo di montagna è diverso dall’uomo di mare. Da questa diversità dovrebbe nascere la ricchezza. L’uomo che vive in Calabria è diverso dal Marsigliese, dal Maltese, dal Cipriota, dall’Egiziano, dall’uomo di Barcellona. Tutti si bagnano tra le acque del Mediterraneo, ma ognuno di loro ha delle peculiarità, le quali devono essere evidenziate, per dare senso all’abitare.

Nascere a New York non è la stessa cosa che nascere a Reggio Calabria, e non è solo una questione di opportunità: la differenza risiede nell’aria che si respira, nella dose di iodio inalata; nella quantità di ossigeno che arriva ai polmoni; nel numero di suoni o di rumori che attraverso le orecchie giunge al nostro cervello.

 

DSCF1965_800x600 DSCF1966_800x600

 

 

 

Abitare vuol dire vestire un luogo e vestirsi di quel luogo; renderlo un vestito comodo per ogni occasione dovrebbe essere un intento collettivo; un abito da esibire durante la festa e da utilizzare nelle ore di lavoro o di solitudine Alla nascita si indossa questo abito e nessuno se lo potrà più togliere, perché nel corso degli anni esso aderirà sempre più alla pelle, tanto da diventare una specie di body painting, e sarà inutile coprirlo con abiti di altra foggia: esso sarà sempre parte di noi. Occorre darsene conto e farlo diventare elegante, nel senso etimologico del termine (elegans – antis, ‘che sa scegliere’). È elegante solo chi sa ricercare, scegliendo tra le cose a sua disposizione, non solo le cose migliori, ma il modo giusto per combinarle. È giunta l’ora, forse, di “scegliere” dove abitare, il luogo in cui essere eleganti, perché in esso ci si trova presenti a se stessi. Occorre somigliare al proprio paesaggio, e se esso e di sole, è una luce quella che dobbiamo inseguire.

DSCF1952_800x600

 

 

 

DSCF1954_800x600

 

 

 

La Sala era gremita  di persone, presenze di rilievo nella serata odierna,  gli editori del libro  “ Città del sole Edizioni” Dr. Francesco Arcidiaco con la moglie Antonella Cuzzocrea,

 

DSCF1953_800x600 DSCF1826_800x600

 

 

 

il Dr. Massimo d’Agostino con la moglie Silvana Salvaggio, la presidente della FIDAPA Avv.ssa Marilena Altomonte

 

DSCF1910_800x600

 

 

 

 

La Vice presidente del Circolo Meli Dr.ssa Margherita Sergi

 

 

DSCF1838_450x600

 

 

 

e tanti tanti altri, vari sono stati gli interventi per il tema interessante della serata Tra cui quello del giovane, astro nascente, Giuseppe Zavettieri

 

DSCF1998_800x600 DSCF2003_800x600

 

 

 

DSCF2004_800x600

 

 

e tanti altri interventi. A conclusione un break degustativo, opera delle socie del Circolo.

 

 

DSCF2013_800x600

 

 

Un’altra serata riuscitissima del Circolo Culturale “Meli” di Melito P.S. a cui vanno fatti i complimenti per questi eventi che stanno avendo consensi da parte di larga parte della nostra cittadinanza.

 

Melito di Porto Salvo, li 24.5.2014

 

daniele dattola

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *